ASCOLTO LE SIRENE

Ascolto le sirene

Echi di scelte e fughe,

Ascolto il loro dire

Il loro rendermi selvaggio.

Lascio emergere un segno, un simbolo,

una traccia di dove punta la mia barba.

Cerco l’Est,

mentre il bosco copre i segni di un insediamento

dove sorge la luce,

sorge

tra il pungitopo e l’asparago.

Maggio non più Maggio,

ore di follia

mentre la mia spada sguainata nell’aria fende la scia del suono

struscia contro il vento e si erge,

come una rocca immaginaria;

sapore di antico narcisismo.

E’ ancora aprile però,

nell’immaginario che si sfalda nel tufo

Giace in una grotta

Si apre solo se lo lascio andare o lo faccio passare,

Dentro i meandri dello spirito

Libero

Da ogni turbamento, se con il suo spazio

Assottiglia la vicinanza alla voce,

gentile,

che gioca a domino con i pensieri…

Annunci

Se ti va, Lascia un Commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...